giovedì 13 marzo 2014

15

Eleanor #2


Buon pomeriggio a tutte! Eccovi il  continuo della storia :)

[...]
La ricreazione finì e tutti tornarono ai loro posti.
Una leggera tensione si avvertiva tra le due fanciulle.
'Scusa se ti sono sembrata scorbutica.' disse Jessika ,senza guardare negli occhi Eleanor.
'Non ti devi scusare,hai ragione in fondo.' si sentì rispondere.
Era finita l'ultima ora e  tutti,dopo esser usciti da scuola, affollarono le strade della città.Dire che le fermate degli autobus era piene,è poco. Eleanor dovette aspettare un secondo autobus per poter tornare a scuola.
Difficile da ammettere a se stessi,ma aveva un po' paura delle persone dentro il mezzo di trasporto e piuttosto che sedersi vicino ad un estraneo restò in piedi.Lo stesso fece per un paio o più di settimane.
Fra la scuola,lo studio e le lezioni giornaliere di danza le veniva richiesto un costante impegno ogni giorno.
Era un martedì sera come tutti gli altri, e proprio come tutti i martedì sera andava a lezione di danza classica.Quella in cui andava lei era una tra le accademie più pregiate della regione,d'altronde,adatta ad un talento come lei.
L'insegnante entrò in sala.Era un uomo di mezza età,forse sulla cinquantina,con aria elegante.Il suo braccio poggiava su un bastone,che apparentemente non sembrava da poggio,bensì come 'ornamento' alla persona.
Il maestro cominciò a dettare degli esercizi.Tutte le allieve,messe a punto con chignon,calze,body e mezze punte,eseguivano alla perfezione tutte le indicazioni,quasi senza batter ciglio.
Eleanor aveva però un'ari stanca,forse dovuta allo stress che ogni giorno deve affrontare.
Fu proprio questa stanchezza però a contribuire a ciò che doveva avvenire.
Stava eseguendo una presa complicata,non troppo.Staccò i piedi da terra per essere poi presa dal partner,ma ecco che al scendere non mantenne il suo corpo e le sue gambe rigide e cadde a terra.
Aveva il piede dolorante,piangeva.Non aveva mai pianto per essere caduta,ma questa non era una caduta qualunque.
Tutti accorsero su di lei.Chiamarono il padre di un'allieva,che era medico, e stava aspettando sotto l'accademia la fine delle lezioni.
Le riscontrarono una storta,ma neanche il medico stesso ne era convinto fino in fondo.
Eleanor continuò ad affermare che non era una storta.Ne aveva prese tante di storte nella sua vita,ma non erano nulla in confronto a questa.
Non riusciva neanche ad impuntare il piede.
Il padre la venne a riprendere.La ragazza cercava di convincere il padre a portarla da un altro medico e così fece.Andarono all'ospedale e fecero una fila che non finiva più per essere ricevuti.
Finamente arrivò il loro turno.Entrarono in ambulatorio ed Eleanor mostrò la caviglia.
'Cosa le hanno detto a riguardo?' chiese il medico con tono serio.
'Hanno detto che è una storta,ma io non ci credo!' rispose Eleanor togliendo la parola al padre.
'Mi dispiace,ma non è affatto così signorina..'
Eleanor fissò il medico che storse la bocca.




(Continua)



15 commenti:

  1. oddio, non sto nella pelle per sapere come continua

    RispondiElimina
  2. devo sapere come continua..è veramente stupendo!

    RispondiElimina
  3. bella chissà se è una storta o no (xD)

    RispondiElimina
  4. Grazie davvero♥
    Si si è una storia!

    RispondiElimina
  5. Ci sono forse ancora più errori della prima parte.. e mi spiace, te lo dico sinceramente, non prenderla a male, la trovo veramente molto banale.. almeno per ora. Sarà perchè io sono una che legge davvero davvero tanto e quindi è molto critica, però.. non mi prende, mi spiace.

    RispondiElimina
  6. mah.. troppi fatti narrati in poche righe, per quanto riguarda la punteggiatura non hai cambiato niente... Per esempio la virgola va attaccata al nome che la precede e staccata dal seguente da uno spazio.
    Inoltre le descrizioni non ci sono affatto, e si nota che non lo hai riletto per correggere eventuali errori grammaticali, nonche` quelli di battitura come "un'ari".
    Secondo me dovresti anche cercare uno stile, perche` usi termini appartenenti a molte forme gergali e che molto spesso stonano nell'insieme, se usi un linguaggio semplice non inserire qui e li termini colti, non so se sono riuscita a spiegarmi...
    Comunque sia penso che la base ci sia e che con un po' di sforzo potresti produrre testi piu` articolati e corretti di questi, buona fortuna :)

    (non te la prendere)

    RispondiElimina
  7. si vede che comunque ti piace scrivere ma non sei ancora diciamo maturata a tal punto da scrivere veramente bene..o meglio non è che ti dico che scrivi male nè anche perchè poi dipende dal gusto personale..però trovo che manchi qualcosa..nonostante ciò sono curiosa della trama quindi aspetterò la prossima parte :)

    RispondiElimina
  8. Grazie per tutti i vostri commenti e le vostre critiche.Non mi offendo assolutamente non vi preoccupate,il fatto è che vorrei rendere i discorsi più realistici (gergali) come al giorno d'oggi,ma nel narrare i fatti uso comunque dei termini molto più corretti e colti e infatti questa cosa non riesco a coniugarla.

    RispondiElimina
  9. Credo abbiano detto tutto. Non c'e' un gran miglioramento dalla prima parte, mi dispiace dirlo. Posso chiederti se leggi libri? Se si', quali generi?

    RispondiElimina
  10. Sì,mi piacciono un po tutti i generi (tranne il romantico) ma mi piacciono i gialli soprattutto.

    RispondiElimina
  11. Qualche autore in particolare? c:

    RispondiElimina
  12. Come ho detto mi piace leggere un po' tutti i generi,quindi anche un po' tutti gli autori.Gli ultimi due libri che ho letto sono di Neil Gaiman e Michael Ende

    RispondiElimina
  13. giuliettina-me30 aprile 2014 15:28

    Bella storia...entarte nel mio club su stardoll si chiama stellinelle e io sono giulettina-me...Ciao!!!!!!!!

    RispondiElimina

Per lasciare un commento devi avere un account registrato.
I commenti nei post vecchi (dai 10 giorni in poi) sono solo visibili dopo essere accettati da me :-)

Se nel tuo commento vuoi includere un immagine leggi --> QUI <--- come fare.